Protezione delle vie respiratorie: uvex Respiratory Expert System

Il tuo navigatore personale all'interno del tema della protezione delle vie respiratorie fornisce nozioni di base, consigli pratici e informazioni sul quadro normativo, aiutandoti così a trovare il respiratore filtrante più adatto alle tue attività.

Trova la protezione delle vie respiratorie perfetta!

Prova ora senza impegno il nostro consulente virtuale sul tema della protezione delle vie respiratorie.

Vai a URES

La strada veloce verso la giusta protezione delle vie respiratorie

La scelta dei respiratori giusti è fondamentale per la produzione di chi li indossa e richiede la massima cautela. Per scegliere il respiratore filtrante corretto, è necessario osservare assolutamente i seguenti punti:

  • La tipologia, le caratteristiche e la concentrazione delle sostanze pericolose devono essere determinate o note (prestare attenzione al numero CAS). La misurazione può essere effettuata ad esempio dall'associazione di categoria. Anche le condizioni di lavoro devono essere note, tenendo conto del limite di esposizione professionale.
  • Nell'ambiente deve essere presente una quantità sufficiente di ossigeno. Al riguardo osservare le prescrizioni di legge; in Germania, ad esempio, questo deve essere almeno pari al 17% vol.
  • Se sono richiesti altri DPI, questi devono essere adattati fra loro. I respiratori filtranti uvex sono particolarmente adatti per la combinazione con gli occhiali protettivi uvex.
  • I respiratori filtranti non sono adatti per persone con barba, basette o cicatrici profonde in corrispondenza dei bordi di tenuta del respiratore filtrante.
  • Le mascherine con marcatura "NR" possono essere utilizzate fino a 8 ore. Le mascherine con marcatura "R" possono essere utilizzate fino a 24 ore, ma devono essere pulite dopo ogni utilizzo. In generale, le mascherine vanno sostituite in caso di aumento sensibile della resistenza respiratoria.
  • Dopo la determinazione/raccomandazione del livello di protezione necessario (FFP1, FFP2 o FFP3), ad es. a opera dell'associazione di categoria, ora in base alla tabella è possibile selezionare un modello di protezione delle vie respiratorie adatto a seconda delle condizioni di lavoro. Si tenga presente che offriamo le nostre mascherine FFP3 solo complete di valvola di espirazione, così da offrire il massimo comfort possibile.

Se per il luogo di lavoro è necessaria una maschera antigas, i modelli per la protezione delle vie respiratorie di uvex non offrono una protezione sufficiente.

Trovare la mascherina giusta

Interventi brevi o attività facili con temperature ambientali normali
Grado di protezione Respiratore filtrante pieghevole (con o senza valvola) Respiratore filtrante a conchiglia (con o senza valvola)
FFP1 3100, 3110, 8103, 8113, 5100, 51102100, 2110, 7100, 7110
FFP23200, 3210, 8203, 8213, 5200, 52102200, 2210, 7200, 7210, 7212
FFP3 3310, 8313, 53102310, 2312, 7310
Interventi lunghi o attività difficoltose e pesanti con temperature ambientali elevate
Grado di protezione Respiratore filtrante pieghevole (con valvola) Respiratore filtrante a conchiglia (con valvola)
FFP13110, 8113, 51102110, 7110
FFP23210, 8213, 52102210, 7210, 7212, 7233, 7232
FFP33310, 8313, 53202310, 2312, 7310, 7333, 7330, 7312, 7315
Con strato di carboni attivi contro gli odori sgradevoli
Grado di protezione Respiratore filtrante pieghevole (con valvola) Respiratore filtrante a conchiglia (con valvola)
FFP1--
FFP23220, 52202220, 7220
FFP353207320

Panoramica delle applicazioni

AttivitàSostanze nociveClasse di protezione
FFP1FFP2FFP3
Lavorazione del legno
Legno tenero: levigatura e taglioParticelle fini, polvere di legnoX
Legno duro (rovere, faggio, legni tropicali): levigatura e taglioParticelle fini, polvere di legnoX
Rimozione con spazzola/raschietto di colore Particelle fini di verniceX
Raschiatura/spazzolatura di vernice (contenente cromo)Particelle fini di verniceX
Vernici solubili in acqua contenenti rame/cromo/arsenico Nebbia fine di verniceX
Settore dell'edilizia e dell'ingegneria civile
lavori con cemento, intonacatura, posa di mattonelle/piastrelle, realizzazione di soffitti Polvere di cemento/intonaco/mattonelle/tegoleX
Opere murarie: taglio, perforazione, rotturaX
Amianto: lavori a bassa esposizioneFibreX
Isolamento del tetto: fibra di vetro e fibra minerale Polvere e fibreX
Mastice/riempitivo: levigaturaPolvereX
Lavori di saldatura
Saldatura di acciaio inox e alluminioFumo di ossido di metallo e alluminioX
saldatura ad arco elettricoFumoX
Lavorazione dei metalli
Metallo: perforatura, levigatura, fresatura, smerigliatura angolare Polvere metallica X
Acciai altolegati / acciaio inox: perforatura, levigatura, fresatura, smerigliatura angolare Polvere metallica X
Smaltimento/lavori di pulizia
Separazione dei rifiuti e smaltimento Polvere, funghiX
Smaltimento di rifiuti medicali Batteri, sporeX
Spazzatura dei pavimenti Polvere (non tossica)X
Polveri contaminate in modo radioattivoPolvereX
Agricoltura
Malattie epizootiche/trattamento di animali malatiBatteri, virusX
manipolazione di spore micoticheSporeX
Manipolazione di fieno, cereali, farinePolvereX
Medicina/Cura/Salute
Allergie, pollini, polvere domestica, peli di animali Polvere, particelle, sporeX
Batteri, virus, infezioni, legionella Batteri, virusX

Le classi di filtraggio indicate sono requisiti minimi e fungono da ausilio all'orientamento. Spetta all'utente la responsabilità di controllare prima dell'utilizzo se il respiratore filtrante soddisfa i requisiti concernenti la sostanza pericolosa e la relativa concentrazione!

I filtri antiparticelle sono suddivisi in tre classi:

  • FFP1: per polveri non tossiche né fibrogene. Utilizzabile fino a una concentrazione 4 volte superiore al rispettivo valore limite (OEL).
  • FFP2: per polveri, nebbie e fumi nocivi per la salute o di minore tossicità; filtri per particelle solide e liquide con capacità di ritenzione media. Utilizzabile fino a una concentrazione 10 volte superiore al rispettivo valore limite (OEL*).
  • FFP3: per polveri, nebbie e fumi tossici; filtri per aerosol solidi e liquidi con capacità di ritenzione elevata. Utilizzabile fino a una concentrazione 30 volte superiore al rispettivo valore limite (OEL*).

* OEL = occupational exposure limit, ovvero il valore limite di esposizione professionale; è la concentrazione media di una sostanza nell'aria respirata sul posto di lavoro, fino alla quale si possono escludere danni (cronici o acuti), considerato un orario di lavoro di otto ore giornaliere per cinque giorni alla settimana. L'OEL sostituisce il valore limite di soglia (TLV), ovvero la concentrazione massima di sostanza sul posto di lavoro, e la concentrazione tecnica di riferimento (CTR); nella misura in cui di questi due valori non si tiene ancora completamente conto nell'OEL, possono essere utilizzati temporaneamente per la valutazione dei pericoli occupazionali.

Condividi Stampa
uvex
SAFETY