Norme e direttive

Naturalmente i nostri prodotti soddisfano tutte le norme e gli standard necessari e non solo: noi chiediamo sempre di più. Per quella sicurezza in più che i nostri clienti si aspettano, giustamente, da noi.

EN ISO 20345 - Dispositivi di protezione individuale, calzature di sicurezza

La norma EN ISO 20345 specifica i requisiti di base e supplementari (facoltativi) per le calzature antinfortunistiche per usi industriali e commerciali. Le calzature conformi alla norma EN ISO 20345 devono proteggere chi le indossa da urti, schiacciamento, oggetti che cadono o rotolano sui piedi, dal calpestamento di oggetti appuntiti o a spigolo vivo, dal calore o dal freddo e da sostanze calde.

Alcuni esempi di aspetti trattati nella norma sono il trattamento di rischi meccanici, della resistenza allo scivolamento, di rischi termici e di caratteristiche ergonomiche. Norme integrative riferite a singole attività trattano rischi ad esempio relativi a calzature elettricamente isolanti, calzature di protezione dagli agenti chimici e altro ancora.

Fra i requisiti di base descritti nella norma EN ISO 20345 vi sono:

  • Altezza della tomaia
  • Zona del tallone negli stivali
  • Lunghezza minima, la resistenza alla pressione e agli urti del puntale
  • Penetrabilità all'acqua e al vapore acqueo del materiale superiore
  • Spessore e resistenza all'abrasione della suola

Le calzature di sicurezza sono suddivise in diverse classi di protezione a seconda dei requisiti soddisfatti. Le calzature di sicurezza appartenenti alla classe di protezione SB soddisfano i requisiti minimi in base alla norma EN ISO 20345. Le calzature di sicurezza con ulteriori requisiti aggiuntivi sono suddivise, a seconda delle caratteristiche, nelle classi di protezione da S1 a S5

Marcatura sulla calzatura

Marcatura delle calzature per uso commerciale

Requisiti base e supplementari ad es. per scarpe in pelleCalzature di sicurezza
EN ISO 20345
Calzature da lavoro
EN ISO 20347
Requisiti base per calzature e resistenza del puntale agli urtiSB
200 Joule
OB
nessun requisito
Requisiti aggiuntivi:
Zona del tallone chiusa
Proprietà antistatica
Capacità di assorbimento d'energia nella zona del tallone
Resistenza agli idrocarburi
S1O1
(senza resistenza agli idrocarburi)
Requisiti supplementari: come prima, con impermeabilità e assorbimento di acquaS2O2
Requisiti supplementari: come prima, con
Resistenza alla perforazione *
Suola profilata
S3O3
Requisiti base e supplementari ad es. per scarpe in PVC o PU   
Requisiti base per calzature e resistenza del puntale agli urtiSB
200 Joule
OB
nessun requisito
Requisiti aggiuntivi:
Proprietà antistatica
Capacità di assorbimento d'energia nella zona del tallone
Resistenza agli idrocarburi
Resistenza alla perforazione *
Suola profilata
S5O5
L'impiego delle calzature dipende dal tipo di pericolo. Per tutte le calzature possono essere necessari requisiti supplementari (ad es. requisiti di isolamento dal calore o dal freddo, resistenza alla perforazione o la resistenza elettrica attraverso un materiale con ESD). In tal caso, queste calzature devono essere contrassegnate come tali. I principi di prova per tutti i requisiti base e supplementari sono stabiliti nella norma EN ISO 20344.

Uno dei tre seguenti requisiti deve essere soddisfatto e contrassegnato nella calzatura:

<td/>
Marc.Mezzi di provaCondizione di provaCoefficiente d'attrito
SRAProprietà antiscivolo su pavimento in ceramica con soluzione di laurilsolfato di sodio (NaLS)Scivolamento del tallone in avanti
Scivolamento su piano inclinato in avanti
non inferiore a 0,28
non inferiore a 0,32
SRB Proprietà antiscivolo su pavimento di acciaio con glicerinaScivolamento del tallone in avanti
Scivolamento su piano inclinato in avanti
non inferiore a 0,13
non inferiore a 0,18
SRC Proprietà antiscivolo su pavimento in ceramica con soluzione di laurilsolfato di sodio e su pavimento di acciaio con glicerinacomprende tutte le condizioni di prova indicate ai punti a. e b.

Requisiti supplementari per applicazioni particolari con simboli corrispondenti (estratto)

SimboloRISCHIO COPERTOEN ISO 20345EN ISO 20347
SBS1S2S3S5OBO1O2O3
-Requisito base
PResistenza alla perforazione*
ACalzatura antistatica
EAssorbimento di energia nella zona del tallone
HIIsolamento dal caldo
CIIsolamento dal freddo
WRUResistenza della tomaia alla penetrazione e all'assorbimento di acqua
HROResistenza al calore da contatto della suola (+300  °C/min)
WRTenuta all'acqua dell'intera calzatura
MProtezione del metatarso
FOResistenza agli idrocarburi

 

=> soddisfa il requisito prescritto
=> il requisito può essere soddisfatto, ma non è prescritto

* Resistenza alla perforazione

Attenzione: Tenere presente che la resistenza alla perforazione di questa calzatura è stata determinata in laboratorio utilizzando un chiodo di prova spuntato con diametro di 4,5 mm e a una forza di 1.100 N. Forze di perforazione più elevate o chiodi di diametro inferiore possono aumentare il rischio di perforazione. In tali circostanze devono essere prese in considerazione misure preventive alternative.
Attualmente sono disponibili due tipi di inserto antiperforazione nelle calzature DPI. Questi possono essere metallici oppure non metallici. Entrambi i tipi di inserto soddisfano i requisiti minimi di resistenza alla perforazione prescritti dalle norme indicate sulla calzatura, tuttavia ciascuno di essi ha anche diversi vantaggi o svantaggi differenti, inclusi i seguenti:

Inserto antiperforazione metallico: la resistenza alla perforazione risente meno della forma dell'oggetto tagliente/pericolo (ad es. diametro, geometrie, forma appuntita). A causa di limitazioni nella produzione di calzature, esso non copre l'intera superficie della parte inferiore della scarpa.

Inserto antiperforazione non metallico: può essere più leggero e flessibile e fornire una superficie di copertura più ampia rispetto a quello metallico, tuttavia la resistenza alla perforazione viene influenzata maggiormente dalla forma dell'oggetto tagliente/pericolo (ad es. diametro, geometria, forma appuntita). Per maggiori informazioni sul tipo di inserto antiperforazione utilizzato nelle proprie calzature, contattare il fabbricante o il fornitore come indicato nella nota informativa per l'utente.

Condividi Stampa
uvex
SAFETY